This new album, released in July 2021 on Sonarti Records, features works by the great French composer Camille Saint-Saens; I am joined for this project with my longtime collaborates and friends Kyunghee Kim-Sutre (harp)  and Guillaume Sutre (violin).

The great Fantasie for harp solo and and for harp-violin open the album; followed by three very charming mazurkas and the brilliant Etude en forme the Valse for solo piano; and then the album finishes with the Elegie opus 143 and the first Violin Sonata opus 75. This music is very dear to my heart and I am very excited to share this music with you all!

Tagged as .

I’m excited to be heading to Bozeman for a week of concerts for the Montana Chamber Music Society! Author Thomas Wolf will join violinist Angella Ahn and myself for a lecture and performance of César Franck’s violin sonata, the pivotal work in his book The Nightingale Sonata.

https://www.montanachambermusicsociety.org/programs-tickets

Tagged as .

Nouvelle recension du dernier disque de Steven Vanhauwaert, “Ferruccio Busoni, L’Énigme” (HORTUS 191), à lire sur le site de Jean-Marc Warszawski.
“Cette musique, originale, donne l’impression d’une simplicité servie par une technique et des possibilités virtuoses transcendantes. Il y a un sentiment d’intimité touchant et attachant, mais aussi la présence d’un grand architecte”

https://www.musicologie.org/21/ferrucio_busoni_une_enigme.html

Tagged as .

L’Énigme – Steven Vanhauwaert: pianoforte – Hortus (65’35)

Si arriverà mai a comprendere appieno, a decifrare il complesso mondo di Ferruccio Busoni, il geniale compositore-virtuoso, toscano di nascita ma tedesco di adozione e cultura, che ha segnato il XIX ed il XX secolo del suo passaggio? Il titolo di questo cd è, appunto, ben scelto: L’Enigma

Inventivo e devoto trascrittore della musica di Johann Sebastian Bach, visionario anticipatore dell’atonalismo di Schoenberg (Busoni parlava di «senza tonalità» per la sua Sonatina seconda del 1912) ed autore di un Saggio di una nuova estetica musicale (del 1907, in cui egli affronta argomenti sino ad allora inesplorati, come la musica elettroacustica o quella microtonale), ha al suo attivo ben altre, e men note composizioni, dal suo al monumentale Concerto per pianoforte, coro maschile e orchestra (il più lungo del repertorio, oltre un’ora …) a due opere, Turandot e Doktor Faust, il suo capolavoro. 

Più tranquillamente, Steven Vanhauwaert ci introduce ad un mondo più intimo, vincolato alla sensibilità pianistica di Busoni, quello dell’Indianisches Tagebuch (Diario indiano) e della grandiosa Fantasia Contrappuntistica, BV 256; due meno note Elegie e la Fantasia, BV 253 completano il programma.

Con un gran senso della struttura ed una serenità che non vacilla davanti all’impresa, Steven Vanhauwaert ci guida all’affascinante scoperta di queste opere tardive, sibillini messaggi che Busoni affidava alle sue esibizioni concertistiche, quasi sogni illuminati dalla sublime spiritualità della musica di Johann Sebastian Bach.

CD e altre musiche di marzo, di Ferruccio Nuzzo

Tagged as .